Rafting Dora Baltea: gelante adrenalina!

rafting-1Tutto nasce da una cena tra amici, una bella compagnia in una calda sera d’Agosto. Nasce l’idea di prenderci qualche giorno a Ferragosto ed andare in Valle D’Aosta a goderci il paesaggio.

Benissimo e perché non andare a dormire al Rafting Adventure Park di Villeneuve, conosco due guide Rafting che in estate propongono questi tour…” esclama un amico!

Mah… il Rafting?!” Esclamo io.

“Quando lo vedo in TV si rovesciano sempre quei gommoni…

Sono un po‘ titubante, comunque per me l’importante è partire e poi non sono mai stata in questa regione, quindi in auto e via!

Ci godiamo un bel viaggio dalla Toscana, arriviamo in mattinata a Villeneuve, sistemiamo le tende al parco, eravamo 5 coppie tra fidanzati e amici. Tutto inizia all’insegna delle risate e del divertimento. Visitiamo il piccolo borgo di Villeneuve, davvero molto carino, pranziamo lì, in un’osteria. Nel pomeriggio incontriamo le guide Rafting che ci spiegano come funzionano le uscite.

Dalla mattina seguente ci catapultiamo subito nella nostra prima discesa Rafting: ci infiliamo mute, giubbotti salvagente e casco, pagaia in mano e saliamo su dei pulmini che ci portano sulle rive della Dora Baltea. Da qui, dopo averci spiegato i movimenti ed i comportamenti da tenere quando siamo “on board” o eventualmente  “out board”, ci vengono assegnati due gommoni da 6 persone ciascuno più le guide. Traumatico non è stato tanto trasportare il gommone al fiume in spalla insieme ai compagni (sono gommoni relativamente leggeri) ma salire sopra il gommone vedendo il fiume che scorreva “vigorosamente”. Mi faccio coraggio e non so come riesco ad incitare anche un’amica che era ancora timorosa… oh via andiamo!! Dora Baltea: accettiamo la sfida!

Passa la paura e sale l’adrenalina, ecco il puro divertimento. Tutto fila liscio, rispettiamo i comandi inizia la discesa, ma il fiume sembra farsi sempre più in piena, arrivano i primi massi e cascatelle che superiamo benissimo ma imbarchiamo acqua a tal punto che un’amica, ancora un po’ insicura, inizia ad urlare: ”aspettatemi, vi prego aspettatemi ” credendo di essere stata sbalzata fuori dal gommone quando invece era soltanto scivolata ai nostri piedi al centro del gommone! Che spasso ma anche tanta concentrazione perché chi non rispetta i comandi può far sbilanciare il gommone rischiando di cadere in acqua. Ed infatti così è stato per un nostro compagno che abbiamo visto volare nelle fredde e gelide acque dopo aver fatto un bel salto. Ovviamente non è possibile fermarci all’istante per recuperarlo quindi, appena le condizioni del fiume lo consentono, riusciamo ad avvicinarci al bordo del torrente e dopo che si è lasciato trascinare dalla corrente lo abbiamo ripescato allungando una pagaia.

Arriviamo in un punto in cui il fiume è calmo, ci fermiamo, scendiamo e riprendiamo il pulmino che ci porta ad un punto ancora più elevato rispetto alla nostra prima partenza; la nostra discesa adesso inizia da un tratto un po’ più complicato ma il divertimento è maggiore.

Le nostre discese però non sono ancora concluse. Saliamo per l’ultima volta sul pulmino che ci porta ad un punto del fiume ancora più alto, ridendo e scherzando sull’esperienza appena vissuta.

A fine mattinata arriviamo un po’ stanchi al centro Rafting, ci sistemiamo ed una bella grigliata di carne ci aspetta sotto l’ombra dei verdissimi alberi, sotto un profumo di Natura, pace e silenzio che solo la Valle d’Aosta può offrire.

Nei giorni seguenti ci dedichiamo alla visita di Aosta, città molto affascinate e di Pila, salendo in vetta con la telecabina. Da qui percorriamo a piedi un bellissimo tratto panoramico arrivando fino ad un rifugio.

Ecco… ho scoperto che adoro la montagna d’estate. La valle D’Aosta è unica.

Le nostre serate trascorrono in totale allegria, alle nostre tende del Parco Rafting o nelle bellissime città di Courmayeur e Saint Vincent, non facendoci mancare i sapori tipici Valdaostani, dalle sostanziose cene alle calde bevute con la grolla.

E’ stata una mini vacanza all’insegna dell’avventura e del buon divertimento adrenalinico ma inaspettatamente anche alla scoperta di una bellissima Regione, pura, incontaminata e con scenari fantastici, in cui la Natura sembra nascere ogni giorno.

Grazie Valle d’Aosta e grazie freddissima Dora Baltea, mi avete fatto apprezzare sia la montagna in estate, che uno sport a cui mi approcciavo con paura e che invece si è rivelato molto divertente e coinvolgente.

La vita è una discesa a tutta velocità che non finisce mai di stupire

 

Vai alle FOTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...