A spasso per Praga

Il nostro spirito “parti&vai” prese piede in una calda estate di qulache anno fa. Ci catapultiamo in macchina con destinazione Praga, nell’eden degli artisti e degli innamorati!

Nessun alloggio prenotato, appena arrivati ci rechiamo infatti all’ufficio informazioni turistiche e riusciamo a trovare una famiglia che effettua servizio di B&B. Decidiamo di restare qualche giorno da loro e sinceramente è stata la scelta ottimale, molto gentili.

Appena entri in contatto con Praga ti rendi subito conto di quanto sia incantevole. Se dovessi definirla con un aggettivo la definirei “fiabesca” e forse anche “romantica”, ha molti scorci malinconici.

Ricordando che è stata il centro politico della Boemia e dello stato Ceco per oltre mille anni, Praga fu anche capitale del Sacro Romano Impero ed il Castello Prazsky Hrad rappresenta perfettamente l’emblema del massimo splendore del regno di Carlo IV.

prague-castello

Ogni architettura cittadina ti parla della sua magnificenza storica. La Cattedrale di San Vito, che si trova all’interno del Castello, mastodontica, imperiale, simbolo della religiosità ceca e capolavoro gotico per eccellenza, è stata la sede dell’incoronazione di Reali di Boemia.

prague-cattedrale san vito

Viene spontaneo dilungarsi in particolari storico-artistici poichè un’ opera simile, che ha influenzato tutta l’architettura in Europa centrale, meriterebbe molto più che un semplice accenno, meriterebbe un’ acclamazione!

Da questo trionfo di archi e pietre pregiate, impossibile perdersi la “viuzza d’oro“, in cui i tetti delle case sono così bassi che si possono addirittura toccare.

Praga viene definita come la “Madre delle Città“, la “Città d’Oro“, la “Città delle Cento Torri” o anche la “Città dai Tetti Rossi” e proprio grazie a questi appellativi riusciamo a carpire la sua Storia, la sua magnificenza e quanto ancora oggi possa essere considerata una città suggestiva ed imperscrutabile.

Alchimisti, astrologi, maghi, che hanno fatto di Praga, nel corso dei secoli, la loro culla in cui cercar “l’elisir di lunga vita” e la formula magica per trasformare i metalli in oro, hanno attribuito alla città un’aurea misteriosa ed inarrivabile.

Grazie alle sue forme, Praga ha tutta l’aria di “città-cartolina-sovrannaturale” in cui si ha l’impressione di vivere indietro nel tempo, come quando si cammina nel suo centro storico, patrimonio artistico dell’UNESCO!

prague-città vecchia

Ogni angolo di Praga è stupendo e pieno di vita. Quartieri come Staré Mesto (la città vecchia), in cui nei secoli sono avvenute incoronazioni di sovrani o esecuzioni, oppure Nové Mesto (la città nuova) con la sua piazza Venceslao, risalente al 1348 fondata da Re Carlo, sono tutte opere d’arte a cielo aperto.

Si visita benissimo a piedi. Cammini e ti trovi di fronte Ponte Carlo che si collega a Mala Strana, un capolavoro contornato da piazzette, vicoli, scorci fantastici con case adornate da tetti rossi attaccate le une alle altre. Karluv Most, il ponte Carlo risalente al 1360 e costruito da Carlo IV, è il simbolo indiscusso di Praga e di tutti gli innamroati che, prendosi per mano, passeggiano su questa meraviglia architettonica sospesa sul fiume Moldava, padroneggiata da statue in arenaria di santi e personaggi storici e contornata da musicisti e venditori di fiori.

prague-ponte carlo

E in questo turbino di capolavori “senza-tempo”, Praga riesce bene a conciliare ed integrare anche l’arte moderna con la sua Casa Danzante: due eccentrici e singolari edifici che sembrano abbracciarsi l’un l’altro, sembran cadere e danzare, sono dedicati alla grande coppia del ballo formata da Ginger Rogers e Fred Astaire.

praga-casa danzante

E così.. seduta in uno dei tanti localini all’aperto nella piazza Staromestske Namesti, ti lasci imprigionare dal rintocco della Torre dell’Orologio, l’orgoglio praghese composto dal quadrante astronomico, da un quadrante inferiore con i dodici medaglioni con i mesi dell’anno e dal “Corteo degli Apostoli”, che ad ogni ora aziona le dodici figure dei santi e dei personaggi civili.

prague-orologio

Proprio il “Corteo degli Apostoli”, che lentamente cammina fuori dall’Orologio, sembra scandire i giorni che abbiamo trascorso qui, come se ripercorresse il nostro vagare che sta volgendo a termine, il nostro Viaggio che ci ha portato alla scoperta dei sapori e della Storia boema e ci ha fatto ammirare bellezze mai viste.

La mia orchestra è Praga! (Wolfgang Amadeus Mozart)

Annunci

5 risposte a "A spasso per Praga"

  1. Non so perchè ma quando penso a un week-end in una capitale europea penso immediatamente a Praga! sarà per la sua bellezza, la sua relativa convenienza (andare a Praga non è mai troppo costoso), la sua storia. Ho bellissimi ricordi di questa città. 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...